DIGITALI nella RETE

La scuola che verrà

Citation
, XML
Authors

Abstract

Università D’Annunzio Chieti/Pescara, 27 gennaio 2010

daniele.barca@alice.it

DIGITALI

 
…come Risorse
 
 

Qualità degli asset: un intervallo che va…

…da qui (esercizi fai da te)

 

…a qui (libreria digitale)

 

Molteplicità degli hardware

 
 

Mini piano a scuola

 

Nuovi materiali o materiali nuovi?

BLOG + LIM + WEB

 

No, non è la BBC

 

…come Nativi

 

Più che nativo, Homo sapiens digitale: la padronanza

 

 

 

Migliorare o diversificare?

 

Ieri era meglio di oggi?

 
 

 

 

Formali, informali, non formali

 

“…quel segmento del settore educativo che viene definito scuola formale appare oggi in piena crisi, a fronte della crescente importanza conquistata dalla scuola parallela, l’insieme, cioè, dei fattori che, al di fuori delle mura scolastiche svolgono tuttavia un ruolo decisivo nei processi di formazione…(p. 69)

…certo si tratta di saperi profondamente diversi da quelli di un tempo, saperi spesso assimilati attraverso i gesti del consumo o la partecipazione alla società fondata sulla comunicazione, dove le esperienze emotive non risultano meno decisive di quelle cognitive…(p. 76)”

F. Brevini, Un cerino nel buio, Bollati Boringhieri, Torino 2008

 

RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

del 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente

 

 

…come Docenti
 

 

Un nuovo profilo…

 

 

 

…tra formazione e autoformazione

  
 
…come Classe
 
 
 

Ambienti

 
 

Realmente virtuale

 

Presenza, distanza e social network

Il blog della IIC

 

Che ne pensa il Garante della privacy

 
 
 
 
 
RETE
 
 
 
…come Relazione
 
 

Il mantra della Classe 2.0: 1 PC a testa?

 

Bedford primary school

 
 
…come Monitoraggi
 
 

Valutare gli apprendimenti o il processo e il prodotto?

 

Fuchs e Wossmann

 
 

 

 
…come Integrazione
 
 

L’eredità della LIM: Imparare ad integrare

 

 

La prima delle possibili eredità è una certa propensione (che molti già oggi posseggono) a considerare nella propria lezione una molteplicità di metodi e modelli didattici, fonti, media, formati, apprendimenti formali ed informali.

Insomma, di imparare ad integrare, in tutti i suoi aspetti.